Ers
Ats
Esmr

Terapia antiacido ed esiti di malattia nella fibrosi polmonare idiopatica


La malattia da reflusso gastroesofageo è un potenziale fattore di rischio per lo sviluppo e la progressione della fibrosi polmonare idiopatica ( IPF ).
Si è indagato l'effetto della terapia antiacido sulla progressione della malattia nei pazienti assegnati in modo casuale a placebo attraverso l'analisi di tre grandi studi di fase 3 di Pirfenidone ( Esbriet ) nella fibrosi polmonare idiopatica.

Una analisi post-hoc ha preso in esame i dati dei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica dai gruppi placebo di tre studi su Pirfenidone ( CAPACITY 004, CAPACITY 006 ed ASCEND ).
Sono stati valutati gli effetti dal basale dell'uso della terapia antiacido sulla funzione polmonare, sulla tolleranza allo sforzo, sulla sopravvivenza, sul ricovero ospedaliero e sugli eventi avversi per 52 settimane con e senza aggiustamento per i potenziali fattori confondenti.

L'endpoint primario, la progressione della malattia a 1 anno, è stato definito come una diminuzione della capacità vitale forzata ( FVC ) prevista del 10% o più, una diminuzione della distanza percorsa in 6 minuti a piedi ( 6MWD ) di 50 metri o più, o la mortalità.

Dei 624 pazienti, 291 ( 47% ) hanno ricevuto la terapia con antiacidi e 333 ( 53% ) non l’hanno ricevuta.

A 52 settimane, non è stata notata alcuna differenza significativa tra i gruppi per la progressione della malattia ( 114, 39%, per la terapia antiacido vs 141, 42%, per nessuna terapia antiacido, P=0.4844 ).

I tassi, inoltre, non hanno mostrato differenze per la mortalità per tutte le cause ( 20, 7%, vs 22, 7%, P=0.8947 ), mortalità correlata alla fibrosi polmonare idiopatica ( 11, 4%, vs 17, 5%; P=0.4251 ), diminuzione assoluta della capacità vitale forzata del 10% o più ( 49, 17%, vs 64, 19%; P=0.4411 ) oppure variazione media osservata della capacità vitale forzata ( come percentuale dei valori predetti -4.9% vs -5.5%, P=0.3355; volume osservato -0.2 vs -0.2 litri, P=0.4238 ).

Il tasso di ricovero ospedaliero è risultato non significativamente più alto nel gruppo di terapia con antiacidi ( 65, 22%, vs 54, 16%; P=0.0522 ).

Quando si è stratificato per FVC basale ( inferiore al 70% o superiore o uguale al 70% ), la progressione della malattia, la mortalità, la capacità vitale forzata, il test 6MWD, e il ricovero ospedaliero non differivano tra i due gruppi.

Gli eventi avversi sono stati simili tra i gruppi di trattamento e senza trattamento; tuttavia, le infezioni complessive ( 107, 74%, vs 101, 62%; P=0.0174 ) e le infezioni polmonari ( 20, 14%, vs 10, 6%; P=0.0214 ) sono state più alte nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica avanzata ( cioè FVC inferiore al 70% ) che erano stati trattati con antiacidi.

La terapia antiacido non migliora gli esiti nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica e potrebbe potenzialmente essere associata a un aumentato rischio di infezione nei pazienti con malattia avanzata. ( Xagena2016 )

Kreuter M et al, Lancet Respiratory Medicine 2016; 4: 381-389

Pneumo2016 Gastro2016 Farma2016


Indietro