Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Afatinib più efficace della chemioterapia nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazioni nel gene EGFR


I dati di uno studio di fase III, LUX-Lung 3, hanno dimostrato che il farmaco sperimentale Afatinib ( Tomtovok ) prolunga la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti affetti da carcinoma del polmone non-a-piccole cellule che presentano mutazioni nel gene EGFR ( recettore del fattore di crescita dell’epidermide, anche noto come erbB1 ), rispetto al trattamento chemioterapico standard.

Inoltre, si è evidenziato che il beneficio di Afatinib è particolarmente evidente nella maggioranza dei pazienti che presentano una delle due mutazioni comuni EGFR, la delezione dell’esone 19 o mutazione L858R.
Queste due mutazioni, assieme, rappresentano circa il 90% di tutte le mutazioni EGFR prese in esame.

Hanno preso parte allo studio LUX-Lung 3, 345 pazienti, che sono stati assegnati in modo casuale alla ionoterapia per os con Afatinib o alla chemioterapia ( Pemetrexed [ Alimta ] e Cisplatino [ Platinex ].

Dopo un follow-up mediano di 8 mesi, è stato osservato un maggior prolungamento della sopravvivenza libera da progressione di 4 mesi con Afatinib, rispetto alla chemioterapia standard ( 11.1 versus 6.9 mesi ).

Nei 308 pazienti che presentavano delezione dell’esone 19 o mutazione L858R, la sopravvivenza libera da progressione è risultata ancora maggiore ( 13.6 vs 6.9 mesi ).

I più comuni effetti indesiderati osservati nel gruppo Afatinib sono stati: diarrea ( 95% ), rash ( 62% ) e paronichia ( infezione del tessuto periungueale ) ( 57% ).
Le più comuni reazioni avverse riscontrate nel gruppo chemioterapia sono state: nausea ( 66% ), riduzione dell’appetito ( 53% ) e vomito ( 42% )

Nel corso dello studio è stata anche osservato un basso tasso di interruzione a causa degli effetti collaterali: 8% con Afatinib e 12% con chemioterapia.
L’1% dei pazienti trattati con Afatinib ha interrotto lo studio a causa della diarrea.

Afatinib blocca i recettori EGF in modo irreversibile rispetto alle attuali terapie con target EGFR, come Gefitinib ( Iressa ) ed Erlotinib ( Tarceva ) ( inibitori reversibili ).
Afatinib, inoltre, blocca anche altri membri della famiglia dei recettori erbB ( erbB2 e erbB4 ), che sono coinvolti nei pathway di crescita tumorale, migrazione e metastatizzazione. ( Xagena2012 )

Fonte: ASCO Meeting, 2012


Onco2012 Pneumo2012 Farma2012


Indietro