Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Associazione tra ricovero per polmonite e rischio successivo di malattie cardiovascolari


Il rischio di malattia cardiovascolare ( CVD ) dopo l'infezione è poco conosciuto.
L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se l'ospedalizzazione per polmonite sia associata a un aumento a breve termine e a lungo termine del rischio di malattie cardiovascolari.

Sono state esaminate due coorti basate sulla comunità: Cardiovascular Health Study ( CHS, n=5.888; età di arruolamento, 65 anni o superiore, periodo di arruolamento, 1989-1994 ) e Atherosclerosis Risk in Communities Study ( ARIC, n=15.792; età di arruolamento, 45-64 anni, periodo di arruolamento, 1987-1989 ). I partecipanti sono stati seguiti fino a dicembre 2010.

Ogni partecipante ricoverato per una polmonite è stato abbinato a 2 controlli. I casi di polmonite e i controlli sono stati seguiti per insorgenza di malattie cardiovascolari per 10 anni dopo l’abbinamento.
Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) per la malattia cardiovascolare a diversi intervalli di tempo, aggiustando per demografia, fattori di rischio cardiovascolari, malattia cardiovascolare subclinica, comorbidità e stato funzionale.

La principale misura di esito è stata la malattia cardiovascolare incidente ( infarto miocardico, ictus e malattia coronarica fatale ).

Su 591 casi di polmonite nello studio CHS, 206 soggetti hanno presentato eventi di malattia cardiovascolare in 10 anni dopo il ricovero per polmonite.
Il rischio cardiovascolare dopo la polmonite è stato più elevato nel primo anno.
La malattia cardiovascolare si è verificata in 54 casi e 6 controlli nei primi 30 giorni ( HR=4.07 ); 11 casi e 9 controlli tra 31 e 90 giorni ( HR=2.94 ); 22 casi e 55 controlli tra 91 giorni e 1 anno ( HR=2.10 ).
Ulteriori rischi cardiovascolari sono rimasti elevati nel decimo anno, quando 4 casi e 12 controlli hanno sviluppato malattie cardiovascolari ( HR=1.86 ).

Nello studio ARIC, su 680 casi di polmonite, 112 hanno presentato malattia cardiovascolare nei 10 anni dopo il ricovero in ospedale.
La malattia cardiovascolare si è verificata in 4 casi e 3 controlli nei primi 30 giorni ( HR=2.38 ); 4 casi e 0 controlli tra 31 e 90 giorni ( HR=2.40 ); 11 casi e 8 controlli tra 91 giorni e 1 anno ( HR=2.19 ); 8 casi e 7 controlli durante il secondo anno ( HR=1.88 ).
Dopo il secondo anno, gli hazard ratio non sono risultati statisticamente significativi.

In conclusione, l’ospedalizzazione per polmonite è risultata associata a un aumento del rischio a breve termine e a lungo termine di malattia cardiovascolare, suggerendo che la polmonite può essere un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. ( Xagena2015 )

Corrales-Medina VF et al, JAMA 2015;313:264-274

Pneumo2015 Cardio2015



Indietro