Pneumobase.it
OncoPneumologia
XagenaNewsletter
Tumore polmone

Bronchite cronica: non tutti i mucolitici sono uguali


La bronchite cronica ha un’incidenza dell’11% nella popolazione di età superiore ai 35 anni e le frequenti esacerbazioni acute sono un’importante causa di morbidità e di costi.
L’impiego dei farmaci mucolitici in questa patologia broncopolmonare è comune, ma la loro utilità come semplici espettoranti è in discussione.

Il muco è prodotto a livello polmonare dalle cellule caliciformi mucipare.
La viscosità delle secrezioni di muco dipende dalla concentrazione delle mucoproteine , e dalla presenza di ponti disolfuro tra le mucoproteine ed il DNA.

Una revisione della letteratura , pubblicata sul British Medical Journal ( Poole PJ , Black PN , BMJ 2001 ; 322: 1271-1274 ) ha mostrato che i mucolitici , nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) , sono in grado di ridurre le esacerbazioni acute della malattia , di ridurre i giorni di malattia ed i giorni di impiego degli antibiotici.
A maggior parte degli studi analizzati si riferivano all’impiego dell’Acetilcisteina.

Le Linee Guida GOLD ( Global Initiative For Chronic Obstruttive Lung Disease ) sulla BPCO , in base all’eevidence-based mediicne , hanno distinto i semplici mucolitici ( Ambroxolo ,Fluibron, Mucosolvan ; Carbocisteina Lisomucil ) , dai mucolitici dotati anche di proprietà antiossidanti ( Acetilcisteina , Solmucol ).

L’impiego dell’Ambroxolo e della Carbocisteina non viene raccomandato nella broncopneumopatia cronica , mentre mostra interesse per l’Acetilcisteina , come antiossidante.

L’Acetilcisteina è la variante acetilata dell’aminoacido cisteina.
L’Acetilcisteina nell’organismo libera la cisteina , che è uno dei precursori del Glutatione, una molecola che interviene nei processi di detossificazione , e che grazie ai gruppi tiolici ( forniti dalla cisteina ) è in grado di neutralizzare i radicali liberi.

L’Acetilcisteina somministrata per os , pertanto , non solo riduce la viscosità del muco mediante rottura d ei legami disolfuro , ma attraverso le sue proprietà antiossidanti riduce i danni broncopolmonari prodotti dai radicali liberi.

Una chiara dimostrazione del potere antiossidante dell’Acetilcisteina è offerta dal suo impiego nell’intossicazione da Paracetamolo, dove previene il danno epatico.
Inoltre , l’Acetilcisteina riduce anche il danno renale prodotto dall’impiego di mezzi di contrasto iodati in alcuni analisi ( es angiografia ).

L’impiego dell’Acetilcisteina nel trattamento preventivo della bronchite cronica ha trovato ulteriori conferme in uno studio condotto in Svizzera ( Grandjean EM et al , Pharmacological Research 2000 ; 42: 39-50 ), che ha sottolineato anche il risparmio economico che ne può derivare.
I dati raccolti hanno mostrato che la somministrazione per os di Acetilcisteina di 400 mg/die nel corso dei mesi invernali ha ridotto in modo significativo il numero di esacerbazioni della bronchite ( 16,2% versus 25,2% , al mese ) , i giorni di congedo per malattia ( 3,6% versus 5,3%) e l’incidenza di ospedalizzazione ( 1,5% verus 3,5% , in un periodo di 6 mesi ). I costi diretti per la gestione dell’esacerbazioni della malattia polmonare per un paziente non trattato sono stati calcolati in 869 franchi svizzeri contro i 700 franchi di un paziente trattato con l’Acetilcisteina.
I costi indiretti ( giorni di congedo per malattia ) sono invece stati calcolati in 1.324 franchi svizzeri contro 779 franchi , rispettivamente.


Carlo Franzini

Xagena2002


Indietro