Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Broncopneumopatia cronica ostruttiva: impatto della cardiopatia ischemica su sintomi, stato di salute e riacutizzazioni


La cardiopatia ischemica è una causa comune e importante di morbilità e mortalità nei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ).

L'impatto della cardiopatia ischemica sulla BPCO, in termini di stato di salute, capacità di praticare esercizio fisico e sintomi non è ben definito.

Sono stati analizzati i dati di 386 pazienti stabili della coorte London COPD tra il 1995 e il 2009, e sono stati raccolti prospetticamente i dati di esacerbazione in coloro che avevano completato il diario dei sintomi per 1 anno o più.

Un totale di 64 pazienti (16.6%) con cardiopatia ischemica hanno avuto uno stato di salute significativamente peggiore come misurato attraverso il questionario St. George Respiratory Questionnaire ( 56.9 vs 49.1, P=0.003 ) e una percentuale maggiore in questo gruppo ha segnalato dispnea più grave nello stato stabile, con un punteggio di dispnea Medical Research Council maggiore o uguale a 4 ( 50.9% vs 35.1%, P=0.029 ).

Nei sottoinsiemi del campione, i pazienti con BPCO stabile con cardiopatia ischemica hanno presentato una concentrazione media maggiore di NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ), rispetto ai soggetti senza cardiopatia ischemica ( 38 pg/mL vs 12 pg/mL, P=0.004 ) e una capacità di esercizio fisico inferiore ( distanza in 6 minuti a piedi, 225 m vs 317 m, P=0.002 ).

Le riacutizzazioni di BPCO non sono state più frequenti nei pazienti con cardiopatia ischemica ( media, 1.95 vs 1.86 per anno, P=0.294 ), ma il tempo mediano di recupero dei sintomi è stato maggiore di 5 giorni ( 17.0 vs 12.0, P=0.009 ), con conseguente aumento significativo dei giorni per anno con esacerbazione dei sintomi ( valore mediano, 35.4 vs 22.2, P=0.028 ).

Questi risultati sono stati replicati in analisi multivariate considerando anche età, sesso, FEV1 e frequenza di esacerbazioni ove possibile.

In conclusione, la cardiopatia ischemica concomitante è associata a uno stato di salute meno favorevole, inferiore capacità di esercizio fisico e maggiore dispnea nei pazienti stabili con BPCO, così come a esacerbazioni di maggiore durata, ma non a una maggiore frequenza delle esacerbazioni. ( Xagena2012 )

Patel ARC et al, Chest 2012; 141: 851-857


Cardio2012 Pneumo2012



Indietro