Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Ceritinib riduce l’estensione dei tumori nella maggior parte dei pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ALK+


I dati di uno studio hanno dimostrato che Ceritinib ( Zykadia ) ha ridotto l’estensione tumorale nei pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule ALK+ ( positivo per ALK [ chinasi del linfoma anaplastico ] ), compresi quelli che avevano già ricevuto un trattamento preliminare con un inibitore di ALK e quelli che lo ricevevano per la prima volta.
Sono stati osservati risultati anche nei pazienti con tumore NSCLC ALK+ che presentavano all’ingresso metastasi cerebrali.

In una popolazione complessiva di 246 pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule, Ceritinib è risultato associato a un tasso di risposta globale ( ORR ) del 58.5% e a una sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) di 8.2 mesi.
Di questi, 124 pazienti sono entrati nello studio con metastasi cerebrali e hanno ottenuto un ORR del 54.0% e una sopravvivenza mediana libera da progressione di 6.9 mesi.

Gli eventi avversi più comuni, verificatisi in oltre la metà dei pazienti, sono stati diarrea, nausea, vomito, dolori addominali e affaticamento.

Il 2-7% circa dei pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule è portatore del riarrangiamento del gene ALK, che causa la crescita del tumore. Questi pazienti sono candidati al trattamento con un inibitore di ALK mirato.
I pazienti con tumore NSCLC ALK+ sono spesso più giovani della media dei pazienti con NSCLC, e in molti casi non hanno mai fumato.

Lo studio presentato al meeting ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) è servito come base per l’approvazione di Ceritinib da parte della FDA ( Food and Drug Administration ), e che ha fatto seguito alla designazione, da parte della stessa FDA, della designazione di terapia fortemente innovativa ( breakthrough therapy ).

In uno studio di fase I a singolo braccio, i 246 pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule ALK+ hanno ricevuto Ceritinib 750 mg al giorno e hanno avuto un follow-up durato in media 7 mesi.
Di questi, 166 ( 67% ) avevano ricevuto in precedenza almeno due terapie e 163 ( 66% ) erano stati precedentemente trattati con un inibitore di ALK.

I risultati dello studio hanno dimostrato che i pazienti trattati con Ceritinib hanno ottenuto un ORR del 58.5% [ IC 95%, 52.1-64.8% ] e una sopravvivenza mediana libera da progressione di 8.2 mesi [ IC 95%, 6.7-10.1 mesi ].
La durata mediana della risposta è stata di 9.7 mesi [ IC 95%, 7.0-11.4 mesi ], con un tempo mediano alla prima risposta di 6 settimane dopo l’inizio del trattamento.

Tra i 163 pazienti trattati con Ceritinib 750 mg al giorno che erano stati trattati in precedenza con l’inibitore di ALK Crizotinib, comunemente prescritto, l’ORR è stato del 54.6% [ IC 95%, 46.6-62.4% ] e la sopravvivenza libera da progressione di 6.9 mesi [ IC 95%, 5.4-8.4 mesi ].
Negli 83 pazienti che non avevano ricevuto alcun precedente trattamento con un inibitore di ALK, l’ORR è stato del 66.3% [ IC 95%, 55.1-76.3% ] e la sopravvivenza libera da progressione non è stata raggiunta ( NR ) alla data di cutoff , poiché la maggior parte dei pazienti era ancora in corso di trattamento con Ceritinib.

Nei 124 pazienti che avevano iniziato lo studio con metastasi cerebrali, Ceritinib ha ottenuto un ORR del 54.0% [ IC 95%, 44.9-63.0% ] e una sopravvivenza libera da progressione mediana di 6.9 mesi [ IC 95%, 5.4-8.4 mesi ].
È stata osservata una riduzione dell’estensione del tumore nel 50.0% dei pazienti [ 49 su 98; IC 95%, 39.7-60.3% ] con metastasi cerebrali che avevano ricevuto una precedente terapia con un inibitore di ALK, mentre il 69.2% dei pazienti [ 18 su 26; IC 95%, 48.2-85.7% ] con metastasi cerebrali che non erano stati trattati in precedenza con un inibitore di ALK ha ottenuto una riduzione dell’estensione del tumore dopo il trattamento con Ceritinib.

L’interruzione del trattamento a causa di eventi avversi si è verificata nel 10% dei pazienti.

Tra i 255 pazienti trattati con Ceritinib, inclusi 246 pazienti con tumore del polmone non-a-piccole cellule e nove pazienti con altri tipi di tumore, 150 ( 59% ) hanno richiesto almeno una riduzione della dose.

Gli eventi avversi più frequenti ( incidenza maggiore del 50% ) tra i 255 pazienti sono stati: diarrea ( 86% ), nausea ( 80% ), vomito ( 60% ), dolore addominale ( 54% ) e affaticamento ( 52% ).

Le anomalie di laboratorio più comuni ( incidenza maggiore del 50% ) sono state la riduzione dei livelli di emoglobina ( 84% ) e l’aumento dei livelli di ALT ( 80% ), AST ( 75% ) e creatinina ( 58% ).
Le anomalie di laboratorio di grado 3-4 più comuni ( incidenza maggiore di 10% ) sono state l’aumento dei livelli di ALT ( 27% ), di AST ( 13% ) e di glucosio ( 13% ).

Ceritinib è indicato negli Stati Uniti per il trattamento dei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule metastatico ALK+ che hanno manifestato progressione della malattia o che non-tollerano a Crizotinib.
Questa indicazione è stata approvata con procedura accelerata, sulla base del tasso di risposta e della durata della risposta stessa. Non è stato stabilito un miglioramento della sopravvivenza o dei sintomi correlati alla malattia. ( Xagena2014 )

Fonte: Novartis, 2014

Onco2014 Pneumo2014 Farma2014


Indietro