Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
XagenaNewsletter

Conversione della coltura di espettorato come marcatore prognostico per il risultato di fine trattamento in pazienti con tubercolosi multi-resistente


La conversione di coltura dell'espettorato è spesso usata come primo endpoint microbiologico in studi clinici di fase 2 sul trattamento della tubercolosi sulla base del suo valore predittivo per l'esito di fine trattamento, in particolare in pazienti con tubercolosi farmaco-sensibile.

E’ stata valutata la validità della conversione della coltura dell'espettorato su terreni solidi in momenti temporali diversi e il tempo di conversione come marcatori prognostici per il risultato di fine trattamento in pazienti con tubercolosi multi-resistente ( MDR ).

Sono stati analizzati i dati di due grandi studi di coorte di pazienti con tubercolosi MDR.
La conversione di coltura dell'espettorato è stata definita come 2 o più colture negative consecutive da campioni di espettorato ottenuti almeno a 30 giorni di distanza. Per stimare l'associazione della conversione a 2 mesi e a 6 mesi con un risultato di successo del trattamento sono stati calcolati gli odds ratio (OR).

Sono stati valutati i dati di 1.712 pazienti che hanno avuto successo del trattamento, fallimento del trattamento, o che sono morti.

Tra i pazienti con successo del trattamento, il tempo mediano di conversione della coltura dell’espettorato è stato significativamente più breve rispetto a coloro che hanno avuto risultati infausti ( 2 mesi vs 7 mesi; log-rank P minore di 0.0001 ).
Inoltre, lo stato di conversione a 6 mesi ( OR aggiustato 14.07 ) è stato significativamente associato con il successo del trattamento rispetto al fallimento o alla morte.

Lo stato di conversione della coltura dell'espettorato a 2 mesi è stato significativamente associato con il successo del trattamento solo nei pazienti negativi al virus HIV ( OR aggiustato 4.12 ), o che avevano infezione da HIV non-nota ( OR=3.59 ), ma non in quelli che erano sieropositivi ( OR=0.38 ).

Pertanto, l'associazione complessiva della conversione dell’espettorato con un risultato positivo è stata sensibilmente maggiore a 6 mesi, che a 2 mesi.

La conversione a 2 mesi ha avuto una bassa sensibilità ( 27.3% ) e alta specificità ( 89.8% ) per la previsione di successo del trattamento.

Al contrario, lo stato di conversione della coltura dell’espettorato a 6 mesi ha avuto alta sensibilità ( 91.8% ) ma moderata specificità ( 57.8% ).

La massima sensibilità e specificità combinata è stata raggiunta per la conversione della coltura dell’espettorato tra il mese 6 e il mese 10 di trattamento.

Il tempo alla conversione della coltura dell’espettorato, lo stato di conversione a 6 mesi e lo stato di conversione a 2 mesi in pazienti senza infezione da HIV nota possono essere considerati come marcatori del risultato di fine trattamento in pazienti con tubercolosi MDR, anche se l'associazione complessiva con il successo del trattamento è sostanzialmente più forte per lo stato di conversione a 6 mesi che a 2 mesi.

I ricercatori devono considerare questi risultati per quanto riguarda la validità della conversione della coltura dell’espettorato a vari intervalli di tempo come un predittore precoce di efficacia del trattamento durante la progettazione di studi di fase 2 prima di investire notevoli risorse in grandi studi di fase 3 a lungo termine su nuove cure per la tubercolosi MDR. ( Xagena2015 )

Kurbatova EV et al, Lancet 2015;3:201-209

Pneumo2015



Indietro