Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
XagenaNewsletter

Cronologia delle lesioni istologiche nella sindrome da distress respiratorio acuto con diffuso danno alveolare


Il danno alveolare diffuso è un segno istologico caratteristico della sindrome da distress respiratorio acuto.
Tuttavia, la cronologia delle lesioni istologiche non è ben stabilita.

È stato condotto uno studio per determinare il tempo all’insorgenza di cambiamenti essudativi o proliferativi e la fibrosi in stadio terminale nella sindrome da distress respiratorio acuto.

Sono stati analizzati tutti i pazienti deceduti nel periodo 1991-2010 nel reparto di terapia intensiva ( UTI ) dell’Hospital Universitario de Getafe, a Madrid, Spagna, sui quali era stata effettuata un’autopsia.

I pazienti dovevano presentare i criteri clinici per la sindrome da distress respiratorio acuto al momento del decesso e caratteristiche istologiche di danno alveolare diffuso all’esame autoptico.

La congestione capillare e l’edema intra-alveolare hanno caratterizzato la fase essudativa, mentre la proliferazione delle cellule alveolari di tipo 2 o fibroblasti o la fibrosi hanno caratterizzato la fase proliferativa.

Sono stati analizzati 159 pazienti.

La prevalenza dei cambiamenti essudativi è diminuita nel tempo ed è stata riportata in 74 ( 90% ) degli 82 pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto con una durata inferiore a 1 settimana, 40 ( 74% ) dei 54 pazienti con malattia con una durata di 1-3 settimane e solo 4 ( 17% ) dei 23 pazienti con malattia di durata superiore a 3 settimane ( p inferiore a 0.0001 ).

L’incidenza dei cambiamenti proliferativi è aumentata nel tempo ed è stata riportata in 44 ( 54% ) degli 82 pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto di durata inferiore a 1 settimana, 42 ( 78% ) dei 54 pazienti con malattia della durata di 1-3 settimane e 23 ( 100% ) dei 23 pazienti con durata della malattia superiore a 3 settimane ( p inferiore a 0.0001 ).

La fibrosi è stata notata in 3 ( 4% ) degli 82 pazienti con malattia di durata inferiore a 1 settimana, 13 ( 24% ) dei 54 pazienti con malattia della durata di 1-3 settimane e in 14 ( 61% ) dei 23 pazienti con malattia di durata superiore a 3 settimane ( p inferiore a 0.0001 ).

La fibrosi è risultata più frequente nei pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto di origine polmonare che in quella di origine extra-polmonare.

In conclusione, le caratteristiche istologiche dei polmoni sono risultate legate alla durata della sindrome da distress respiratorio acuto.  Entro la prima settimana di evoluzione, i cambiamenti essudativi sono risultati predominanti e la fibrosi è stata riscontrata solo raramente.
Oltre la terza settimana di evoluzione, i cambiamenti proliferativi sono stati notati in tutti i pazienti e la fibrosi in due terzi di loro.
I trattamenti con un effetto potenziale su infiammazione o fibrosi, o entrambe, dovrebbero probabilmente essere concentrati nella prima settimana dopo l’insorgenza della sindrome da distress respiratorio acuto. ( Xagena2013 )

Thille AW et al, Lancet Respiratory Medicine 2013; 1: 395-401

Pneumo2013



Indietro