GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Xagena Mappa

Durvalumab nel setting neoadiuvante con o senza radioterapia stereotassica corporea in pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule in stadio iniziale


Precedenti studi di fase 2 sulla monoterapia neoadiuvante anti-PD-1 o anti-PD-L1 in pazienti con tumore polmonare non-a-piccole cellule in stadio iniziale hanno riportato tassi di risposta patologica maggiori nell'intervallo del 15-45%.
L'evidenza ha indicato che la radioterapia stereotassica potrebbe essere un potente immunomodulatore nel carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato.

È stato valutato l'uso della radioterapia stereotassica corporea nei pazienti con tumore NSCLC in fase iniziale come immunomodulatore per migliorare la risposta immunitaria antitumorale associata all'anticorpo anti-PD-L1 Durvalumab ( Imfinzi ).

È stato condotto uno studio di fase 2 a singolo centro, in aperto, randomizzato e controllato, che ha confrontato il solo Durvalumab nel setting neoadiuvante con Durvalumab neoadiuvante più radioterapia stereotassica nei pazienti con tumore NSCLC in fase iniziale, presso il NewYork-Presbyterian / Weill Cornell Medical Center di New York.

Sono stati arruolati pazienti con tumore NSCLC in stadio precoce potenzialmente resecabile ( stadi clinici I-IIIA secondo la 7a edizione dell'American Joint Committee on Cancer ) di età pari o superiore a 18 anni con un ECOG performance status pari a 0 o 1.

I pazienti idonei sono stati assegnati in modo casuale a Durvalumab nel setting neoadiuvante in monoterapia o a Durvalumab neoadiuvante più radioterapia stereotassica corporea ( 8 Gy x 3 frazioni), senza alcuna stratificazione per variabili cliniche o molecolari.

Tutti i pazienti hanno ricevuto due cicli di Durvalumab a distanza di 3 settimane a una dose di 1.12 g mediante infusione endovenosa della durata di 60 minuti.
Quelli nel gruppo Durvalumab più radioterapia hanno anche ricevuto tre frazioni giornaliere consecutive di radioterapia corporea stereotassica da 8 Gy diretta al tumore primario immediatamente prima del primo ciclo di Durvalumab.
I pazienti senza progressione della malattia sistemica sono stati sottoposti a resezione chirurgica.

L'endpoint primario era la risposta patologica maggiore nel tumore primario. Tutte le analisi sono state effettuate su base intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 2017 e il 2020, sono stati sottoposti a screening 96 pazienti e 60 sono stati arruolati e assegnati in modo casuale al gruppo Durvalumab in monoterapia ( n=30 ) o al gruppo Durvalumab più radioterapia ( n=30 ).
26 dei 30 pazienti ( 87% ) in ciascun gruppo hanno subito la resezione chirurgica dei tumori.

Una risposta patologica maggiore è stata osservata in 2 pazienti su 30 ( 6.7% ) nel gruppo Durvalumab in monoterapia e in 16 su 30 pazienti ( 53.3% ) nel gruppo Durvalumab più radioterapia.
La differenza nei tassi di risposta patologica maggiore tra entrambi i gruppi è risultata significativa ( odds ratio grezzo, OR 16.0; P minore di 0.0001 ).

Nei 16 pazienti nel gruppo di doppia terapia con una risposta patologica maggiore, 8 ( 50% ) hanno presentato una risposta patologica completa.

Il secondo ciclo di Durvalumab è stato sospeso in 3 dei 30 pazienti ( 10% ) nel gruppo con doppia terapia a causa di eventi avversi immuno-correlati ( epatite di grado 3, pancreatite di grado 2 e affaticamento e trombocitopenia di grado 3 ).

Eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati in 5 pazienti su 30 ( 17% ) nel gruppo Durvalumab in monoterapia e in 6 su 30 (20% ) nel gruppo Durvalumab più radioterapia.
Gli eventi di grado 3-4 più frequenti sono stati iponatriemia ( 3 pazienti, 10%, nel gruppo Durvalumab in monoterapia ) e iperlipasemia ( 3 pazienti, 10%, nel gruppo Durvalumab più radioterapia ).

Due pazienti in ciascun gruppo hanno manifestato eventi avversi gravi ( embolia polmonare, n=1, e ictus, n=1, nel gruppo Durvalumab in monoterapia, e pancreatite, n=1, e affaticamento, n=1, nel gruppo Durvalumab più radioterapia ).

Non sono stati segnalati decessi o decessi correlati al trattamento entro 30 giorni dall'intervento.

Durvalumab neoadiuvante combinato con la radioterapia stereotassica corporea è ben tollerato, sicuro e associato a un alto tasso di risposta patologica maggiore.
Questa strategia neoadiuvante dovrebbe essere convalidata in uno studio più ampio. ( Xagena2021 )

Altorki NK et al, Lancet Oncology 2021; 22: 824-835

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro