Pneumobase.it
Esmr
XagenaNewsletter
OncoPneumologia

Efficacia della combinazione MEDI4736 e Tremelimumab nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato


I dati, presentati al Congresso dell’ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) hanno indicato una attività clinica con profili di sicurezza gestibili per l’anticorpo monoclonale MEDI4736 diretto contro il ligando 1 di PD-1 sia in monoterapia sia in combinazione con altre terapie immuno-oncologiche e a base di piccole molecole nei diversi tipi di tumore.

La combinazione di MEDI4736 e Tremelimumab ( un anticorpo monoclonale contro la proteina 4 associata ai linfociti T citotossici; CTLA4 ), ha mostrato una attività clinica e una tollerabilità nei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule ( NSCLC ) in stadio avanzato indipendentemente dalla presenza o meno del biomarker PD-L1 nel tumore.

I dati dello studio di intensificazione del dosaggio di fase Ib dei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule in stadio avanzato hanno dimostrato che la combinazione del blocco di PD-L1 e di CTLA-4 ha contribuito ad aumentare i tassi di risposta sia nei pazienti positivi, sia nei pazienti negativi al biomarker PD-L1.

Un totale di 63 pazienti con 16 o più settimane di follow-up sono stati valutati per l'attività clinica, 102 pazienti sono stati valutati per la sicurezza.

In particolare, i dati hanno dimostrato un'attività clinica e una tollerabilità specifica nei pazienti PD-L1 negativi, che costituiscono circa il 70% dei pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule e che hanno meno probabilità di rispondere alla monoterapia con farmaci anti-PD-L1.

Nel sottogruppo dei pazienti PD-L1 negativi, il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 27% ( 9/33 ) e il tasso di controllo della malattia ( DCR ), definito come risposta completa ( CR ), risposta parziale ( PR ) o malattia stabile ( SD ) per il follow-up di oltre 16 settimane, è stato del 48% ( 16/33 ).

Nel complesso, quasi la metà dei pazienti dello studio ha raggiunto una risposta parziale o una stabilizzazione della malattia, con ORR del 27% ( 17/63 ) e DCR del 41% ( 26/63 ).

Gli eventi avversi complessivi sono risultati gestibili e generalmente reversibili utilizzando le lineeguida per il trattamento standard. Gli eventi avversi più frequentemente riportati correlati al trattamento di grado 3 o 4 in tutte le coorti di dosaggio sono stati: colite, diarrea, aumento della lipasi e un aumento degli indici di funzionalità epatica.

Venti pazienti su 102 hanno proseguito in modo discontinuo lo studio a causa di eventi avversi correlati al farmaco.

Sono stati individuati una serie di dosaggi che hanno fornito un beneficio clinico di tollerabilità accettabile, con uno schema posologico specifico di MEDI4736 da 20 mg ogni quattro settimane ( 12 dosi totali ) e Tremelimumab 1mg/kg ogni quattro settimane ( quattro dosi totali ) selezionati per il futuro studio combinato di fase II nei pazienti con cancro al polmone non-a-piccole cellule. ( Xagena2015 )

Fonte: MedImmune, 2015

Onco2015 Pneumo2015 Farma2015


Indietro