GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Xagena Mappa

Efficacia e sicurezza di Suvratoxumab per la prevenzione della polmonite associata al ventilatore da Staphylococcus aureus: studio SAATELLITE


Lo Staphylococcus aureus rimane una causa comune di polmonite associata al ventilatore, con pochi cambiamenti nell'incidenza negli ultimi 15 anni.
È stata valutata l'efficacia di Suvratoxumab, un anticorpo monoclonale mirato alla tossina alfa, nel ridurre l'incidenza di polmonite da Staphylococcus aureus nei pazienti in terapia intensiva ( UTI ) sottoposti a ventilazione meccanica.

È stato condotto uno studio pilota multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, di fase 2 in 31 ospedali in Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Portogallo, Spagna e Svizzera.
I pazienti idonei erano in terapia intensiva, di età maggiore o uguale a 18 anni, erano intubati e sottoposti a ventilazione meccanica, erano positivi per colonizzazione da Staphylococcus aureus del tratto respiratorio inferiore, come valutato dall'analisi PCR quantitativa ( qPCR ) dell'aspirato endotracheale, e non erano stati diagnosticati con polmonite di nuova insorgenza.

I pazienti sono stati esclusi se avevano una malattia stafilococcica acuta in corso confermata o sospetta; avevano ricevuto antibiotici per infezione da Staphylococcus aureus per più di 48 ore entro 72 ore dalla randomizzazione; avevano un punteggio CPIS ( Clinical Pulmonary Infection Score ) di 6 o superiore; avevano un punteggio II di valutazione della fisiologia acuta e della salute cronica di almeno 25 con un punteggio GCS ( Glasgow coma scale ) superiore a 5, o un punteggio II della valutazione della fisiologia acuta e della salute cronica di almeno 30 con un punteggio GCS di 5 o meno; avevano un punteggio SOFA ( Sequential Organ Failure Assessment ) pari o superiore a 9; o avevano una malattia polmonare attiva che avrebbe compromesso la capacità di diagnosticare la polmonite.

I pazienti colonizzati sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una singola infusione endovenosa di Suvratoxumab 2.000 mg, Suvratoxumab 5.000 mg o placebo.
La randomizzazione è stata stratificata per paese e per aver assunto o meno antibiotici sistemici per l'infezione da Staphylococcus aureus.

L'endpoint primario di efficacia era l'incidenza di polmonite da Staphylococcus aureus a 30 giorni, come determinato da un Comitato di valutazione dell'endpoint indipendente in cieco, in tutti i pazienti che hanno ricevuto il trattamento assegnato ( popolazione ITT modificata ).
Gli endpoint primari di sicurezza erano l'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento a 30 giorni, 90 giorni e 190 giorni dopo il trattamento e l'incidenza di eventi avversi gravi emergenti dal trattamento, eventi avversi di particolare interesse e malattia cronica di nuova insorgenza 190 giorni dopo il trattamento.
Tutti gli endpoint primari di sicurezza sono stati valutati nella popolazione ITT modificata.

Tra il 2014 e il 2018 sono stati sottoposti a screening 767 pazienti, di cui 213 pazienti con confermato colonizzazione del tratto respiratorio inferiore da Staphylococcus aureus sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Suvratoxumab 2.000 mg ( n=15 ), al gruppo Suvratoxumab 5.000 mg ( n=96 ) o al gruppo placebo ( n=102 ).

Due pazienti nel gruppo placebo non hanno ricevuto il trattamento dopo la randomizzazione perché le loro condizioni cliniche sono cambiate e non hanno più soddisfatto i criteri di ammissibilità per il dosaggio.

Come stabilito dal Comitato di monitoraggio dei dati in un'analisi ad interim, il gruppo Suvratoxumab 2.000 mg è stato interrotto sulla base di criteri farmacocinetici predefiniti.
A 30 giorni dal trattamento, 17 su 96 pazienti ( 18% ) nel gruppo Suvratoxumab 5.000 mg e 26 su 100 pazienti ( 26% ) nel gruppo placebo hanno sviluppato polmonite da Staphylococcus aureus ( riduzione del rischio relativo 31.9%, P=0.17 ).

L'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento a 30 giorni è stata simile tra il gruppo Suvratoxumab 5.000 mg ( 87, 91% ) e il gruppo placebo ( 90, 90% ).
Anche l'incidenza di eventi avversi gravi emersi dal trattamento a 30 giorni è stata simile tra il gruppo Suvratoxumab 5,000 mg ( 36, 38% ) e il gruppo placebo ( 32, 32% ).

Non è stata osservata alcuna differenza significativa nell'incidenza di eventi avversi emergenti dal trattamento tra i due gruppi a 90 giorni ( 89, 93%, nel gruppo Suvratoxumab 5.000 mg vs 92, 92%, nel gruppo placebo ) e a 190 giorni ( 93, 94%, vs 93, 93% ). 40 ( 40% ) pazienti nel gruppo placebo e 50 ( 52% ) nel gruppo Suvratoxumab 5,000 mg hanno avuto un evento avverso grave a 190 giorni.

Nel gruppo Suvratoxumab 5.000 mg, un paziente ( 1% ) ha riportato almeno un evento avverso grave emergente dal trattamento correlato al trattamento, 2 ( 2% ) pazienti hanno riportato un evento avverso di particolare interesse e 2 ( 2% ) hanno riportato una malattia cronica di nuova insorgenza.

Nei pazienti in terapia intensiva sottoposti a ventilazione meccanica con colonizzazione del tratto respiratorio inferiore da Staphylococcus aureus confermata dalla qPCR, l'incidenza di polmonite da Staphylococcus aureus a 30 giorni non è stata significativamente inferiore dopo il trattamento con 5.000 mg di Suvratoxumab rispetto al placebo.
Nonostante questi risultati negativi, gli anticorpi monoclonali rappresentano ancora un'opzione terapeutica promettente per ridurre il consumo di antibiotici che richiede ulteriori studi. ( Xagena2021 )

François B et al, Lancet Infectious Diseases 2021; 9: 1313-1323

Inf2021 Pneumo2021 Farma2021


Indietro