Pneumobase.it
Esmr
Xagena Mappa
OncoPneumologia

Follow-up a 6 anni di uno studio su Vitamina-D prenatale per la riduzione dell'asma


Sono stati precedentemente riportati i risultati di uno studio sull’integrazione prenatale di Vitamina-D per prevenire l'asma e il respiro sibilante ricorrente nei bambini piccoli che ha suggerito un effetto protettivo dell’integrazione all'età di 3 anni.
Sono stati seguiti i bambini fino all'età di 6 anni per determinare il decorso dell'asma e del respiro sibilante ricorrente.

In questo studio di follow-up, ricercatori e partecipanti non conoscevano l’assegnazione terapeutica fino al sesto compleanno dei bambini. Si è determinato se, tenendo conto dei livelli materni di 25-Idrossivitamina-D, i bambini nati da madri che avevano ricevuto 4.400 UI di Vitamina D3 al giorno durante la gravidanza ( gruppo Vitamina-D ) avessero una minore incidenza di asma e respiro sibilante ricorrente all'età di 6 anni rispetto ai bambini nati da madri che avevano ricevuto 400 UI di Vitamina D3 al giorno ( gruppo di controllo ).

Non vi è stato alcun effetto dell’integrazione materna di Vitamina-D sull'asma e sul respiro sibilante ricorrente in un'analisi intention-to-treat o in un'analisi con stratificazione in base al livello materno di 25-Idrossivitamina-D durante la gravidanza.

Non vi è stato alcun effetto dell’integrazione prenatale di Vitamina-D sulla maggior parte degli esiti secondari prespecificati.
Non sono stati trovati effetti dell’integrazione prenatale sugli indici spirometrici.
Sebbene ci sia stato un effetto molto piccolo sulla resistenza delle vie aeree misurata dall'oscillometria a impulsi, questo dato è stato di significato incerto.

L'integrazione di Vitamina-D durante il solo periodo prenatale non ha influenzato l'incidenza a 6 anni di asma e respiro sibilante ricorrente tra i bambini a rischio di asma. ( Xagena2020 )

Litonjua AA et al, N Engl J Med 2020; 382: 525-533

Gyne2020 Pedia2020 Pneumo2020 Farma2020


Indietro