Pneumobase.it
OncoPneumologia
Esmr
Tumore polmone

I beta-bloccanti aumentano la sopravvivenza nel cancro al polmone


I pazienti affetti da carcinoma polmonare presentano una sopravvivenza maggiore se trattati con un beta-bloccante nel corso della terapia antitumorale.

In uno studio di coorte, retrospettivo, i pazienti con carcinoma al polmone non-a-piccole cellule, che avevano assunto un beta-bloccante hanno presentato un miglioramento del 22% della sopravvivenza generale, rispetto ai pazienti non trattati con questi farmaci.
Inoltre, la terapia con beta-bloccanti è risultata associata a un miglioramento del 26% nella sopravvivenza libera da malattia e del 33% la sopravvivenza libera da metastasi a distanza.

Diversi studi clinici retrospettivi hanno inidcato che i beta-bloccanti hanno attività antitumorale, nel ridurre il rischio di metastasi, recidiva e mortalità cancro-specifica e miglioramento delal sopravvivenza generale.

Uno studio ha dimostrato che nelle pazienti con tumore alla mammella, coloro che assumevano beta-bloccanti avevano una significativamente più bassa incidenza di recidive di mortalità specifica per il cancro al seno.

Gli studi preclinici hanno dimostrato che i beta-bloccanti inibiscono la proliferazione delle cellule tumorali, l’invasione, angiogenesi, l’attivazione della metalloproteinasi di matrice ( MMP ), e l’espressione di citochine infiammatorie e chemio tattiche.

Nello studio di Liao et altri, sono stati studiati 722 pazienti con tumore al polmone non-a-piccole cellule di stadio I-III, trattati con la radioterapia da sola o associata alla chemioterapia.
La coorte comprendeva 155 pazienti trattati con beta-bloccanti durante la terapia antitumorale.

Il periodo di follow up è stato di 44 mesi.

I pazienti avevano una età media di 65 anni, e nella maggioranza dei casi il tumore era in stadio III.

Il trattamento con beta-bloccanti è risultato associato a un’età più avanzata ( p inferiore a 0.01 ), a ipertensione ( p inferiore a 0.01 ), alla assunzione di Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) ( P inferiore a 0.01 ) e a un meno favorevole performance status ( P=0.04 ).

Il gruppo beta bloccanti ha presentato migliori risultati in termini di sopravvivenza senza metastasi ( HR=0.67, p inferiore a 0.01 )., sopravvivenza libera da malattia ( HR=0.74, p=0.02 ) e sopravvivenza generale ( HR=0.78, p=0.02 ).

Alle analisi univariate e multivariate, l’impiego dei beta-bloccanti non è risultato associato a recidive loco-regionali. ( Xagena2013 )

Fonte: Annals of Oncology, 2013


Onco2013 Pneumo2013 Farma2013


Indietro