Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Pneumobase.it
Tumore polmone

Il microbiota polmonare predice il rigetto cronico nei riceventi trapianto di polmone sani


Le alterazioni del microbioma respiratorio sono comuni nelle malattie polmonari croniche, sono correlate a una ridotta funzionalità polmonare e sono state associate a progressione della malattia.
Il significato clinico dei cambiamenti nel microbioma respiratorio dopo il trapianto di polmone, in particolare quelli relativi allo sviluppo della disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare ( CLAD ), è sconosciuto.

È stato valutato l'effetto delle caratteristiche del microbioma polmonare nei riceventi di trapianto di polmone sani sulla successiva sopravvivenza libera da disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare.

È stata studiata prospetticamente una coorte di trapiantati di polmone presso l'Università del Michigan ( Ann Arbor, MI, USA ).
Sono state analizzate le caratteristiche del microbioma respiratorio nel fluido di lavaggio broncoalveolare acellulare ( BALF ) raccolto da pazienti asintomatici durante la broncoscopia di sorveglianza per protocollo 1 anno dopo il trapianto di polmone.

Per l’endpoint primario, è stato valutato un composito di sviluppo di disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare o morte a 500 giorni dopo la broncoscopia di sorveglianza a 1 anno.
Le variabili predittive primarie del microbioma erano il carico di DNA batterico ( copie totali del gene 16S rRNA per ml di BALF, quantificato tramite PCR droplet digitale ) e la composizione della comunità batterica ( determinata dal sequenziamento del gene 16S rRNA batterico ).

La funzione polmonare dei pazienti è stata seguita in serie almeno ogni 3 mesi dalla spirometria e la disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare è stata diagnosticata secondo le linee guida della International Society of Heart and Lung Transplant 2019.

È stato analizzato BALF di 134 pazienti, raccolto durante la broncoscopia di sorveglianza post-trapianto a 1 anno tra il 2005 e il 2017.

Entro 500 giorni di follow-up dal momento del campionamento di BALF, 24 pazienti ( 18% ) hanno sviluppato disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare, 5 ( 4% ) sono morti prima dello sviluppo confermato di disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare e 105 pazienti ( 78% ) sono rimasti liberi da disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare con un follow-up completo.

La carica batterica polmonare è stata predittiva dello sviluppo o della morte di disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare entro 500 giorni dalla broncoscopia di sorveglianza, dopo aver controllato i fattori demografici e clinici, tra cui l'immunosoppressione e i risultati della coltura batterica, in un modello di sopravvivenza multivariabile.

Questa relazione è risultata evidente quando il carico è stato analizzato come variabile continua ( aumento del carico per log 10, HR 2.49, P=0.0024 ) o per terzili ( tertile di carico batterico medio vs minimo, hazard ratio, HR 4.94, P=0.022; e più alto vs più basso, HR 10.56, P=0.0012 ).

Nei pazienti che hanno sviluppato disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare o sono morti, la composizione della comunità batterica polmonare differiva significativamente da quella dei pazienti che sono sopravvissuti e sono rimasti privi di disfunzione CLAD ( all'analisi permutazionale multivariata della varianza, P=0.047 a livello tassonomico della famiglia ), sebbene differenze nella composizione della comunità fossero associate alla carica batterica.

Nessun singolo taxa batterico è stato con certezza associato allo sviluppo di disfunzione cronica dell'allotrapianto polmonare o alla morte.

Tra i trapiantati di polmone asintomatici a 1 anno dopo il trapianto, l'aumento della carica batterica polmonare è predittivo di rigetto cronico e morte.
Il microbioma polmonare rappresenta un fattore di rischio poco studiato e potenzialmente modificabile per la disfunzione dell'allotrapianto polmonare. ( Xagena2021 )

Combs MP et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 601-612

Pneumo2021 Chiru2021



Indietro