Pneumobase.it
Tumore polmone
XagenaNewsletter
Esmr

Ipertensione arteriosa polmonare: Treprostinil per os migliora la capacità di esercizio


Lo studio FREEDOM-M ha mostrato che la formulazione orale di Treprostinil aumenta la capacità di esercizio nei pazienti con ipertensione arteriosa polmonare.

Treprostinil è un analogo sintetico della prostaciclina ( PGI2 ), commercializzato con il nome di Remodulin per infusione e di Tyvaso per inalazione nel trattamento dell’ipertensione arteriosa polmonare in pazienti con sintomi di classe NYHA II-IV.

Dopo 12 settimane di trattamento, i pazienti che hanno assunto la nuova formulazione di Treprostinil hanno presentato miglioramenti al test del cammino per sei minuti ( walking test ).
Rispetto al placebo, i pazienti nel gruppo Treprostinil hanno presentato un guadagno di 23 metri ( p=0.0125 ).

In alcuni pazienti, affetti da ipertensione arteriosa polmonare, la somministrazione per via infusionale e inalatoria di Treprostinil risulta difficoltosa.
La via orale potrebbe facilitare la somministrazione del farmaco nella fase precoce della malattia.

Lo studio di fase III FREEDOM-M ha riguardato pazienti di età compresa tra 12 e 75 anni, non-trattati in precedenza, con ipertensione arteriosa polmonare. Il tempo medio tra la conferma della diagnosi e l’ingresso nello studio è stato di 8-10 mesi.

I tre quarti, circa, dei pazienti erano donne; tre quarti presentavano malattia ereditaria o idiopatica.
Quasi i due terzi dei pazienti erano in classe III WHO, i restanti erano in classe II.

Un totale di 349 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Treprostinil per via orale due volte al giorno oppure placebo.
L’analisi di efficacia primaria è stata condotta su 228 pazienti trattati con il più basso dosaggio ( 0.25 mg ) di Treprostinil, al momento della fase di randomizzazione.
Al basale, la distanza media percorsa in 6 minuti è stata di 330 metri.
Dopo 12 settimane di trattamento è stato osservato un miglioramento della performance al walking test di 25 metri nel gruppo farmaco attivo.
I risultati non si sono modificati quando sono stati presi in considerazione tutti i partecipanti ( n=349 ).

Quando i pazienti sono stati stratificati per l’eziologia della patologia, è emerso un miglioramento mediano di 32 metri per i pazienti con malattia idiopatica o ereditaria e un peggioramento mediano di 3 metri per le altre forme eziologiche.

Il tasso di eventi avversi è risultato simile tra i pazienti che avevano ricevuto Treprostinil o placebo ( rispettivamente, 91% vs 88% ).
I pazienti nel gruppo farmaco attivo hanno presentato una più alta incidenza di cefalea e diarrea ( rispettivamente, 63% vs 19%; 30% vs 16%) ( p inferiore a 0.05 ).

Sono stati riscontrati 8 decessi nel gruppo Treprostinil e 5 nel gruppo placebo. ( Xagena2011 )

Fonte: CHEST Meeting, 2011


Farma2011 Cardio2011 Pneumo2011 MalRar2011


Indietro