Pneumobase.it
Tumore polmone
OncoPneumologia
Esmr

Le e-sigarette indeboliscono il sistema immunitario a livello polmonare


In uno studio con un modello murino, i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ( Baltimora, Stati Uniti ) hanno scoperto che le e-sigarette compromettono il sistema immunitario a livello polmonare e generano alcune delle sostanze chimiche potenzialmente pericolose presenti nelle sigarette tradizionali a base di Nicotina.

La percezione che le e-sigarette siano associate a un rischio sanitario ridotto è così radicata che alcuni fumatori, compresi quelli con malattia polmonare ostruttiva cronica ( BPCO ), stanno passando dalle sigarette alle e-sigarette.
Sia le sigarette sia le e-sigarette sono fonti di Nicotina. Le e-sigarette contengono meno Nicotina rispetto alle sigarette tradizionali, ma l'assunzione reale di Nicotina da parte degli utilizzatori di e-sigarette si avvicina a quella dei fumatori di sigarette.

I risultati, pubblicati sulla rivista PLoS ONE, suggeriscono che le e-sigarette non hanno effetti neutri sui polmoni. Aumentano la suscettibilità alle infezioni respiratorie nei modelli murini.

Per il loro studio, i ricercatori hanno diviso i topi in due gruppi: uno è stato esposto a vapori di e-sigaretta in una camera di inalazione in quantità che si avvicinava all’inalazione effettiva di e-sigaretta da parte di un essere umano nell’arco di 2 settimane, mentre l'altro gruppo è stato esposto all'aria.
I ricercatori hanno poi diviso ogni gruppo in tre sottogruppi. Uno ha ricevuto gocce nasali contenenti Streptococcus pneumoniae, un batterio responsabile di polmonite e sinusite negli esseri umani; un secondo gocce nasali contenenti il virus della influenza A, e il terzo sottogruppo non ha ricevuto né virus né batteri.

I topi esposti ai vapori delle e-sigarette avevano significativamente più probabilità di sviluppare risposte immunitarie compromesse sia nei confronti del virus sia dei batteri ( alcuni topi sono morti per l’infezione ).

Il vapore di e-sigaretta da solo ha prodotto effetti lievi sui polmoni, tra cui infiammazione e danni alle proteine. Tuttavia, quando tale esposizione è stata seguita da una infezione batterica o virale, gli effetti nocivi dell'esposizione alle e-sigarette sono divenuti ancora più pronunciati.
L'esposizione alle e-sigarette ha inibito la capacità dei topi di eliminare i batteri dai loro polmoni, e l'infezione virale ha portato a un aumento della perdita di peso e a morte, indicando una risposta immunitaria alterata.

Le e-sigarette producono un vapore che viene inalato e poi espirato dall'utilizzatore.
Precedenti analisi di vapori di e-sigaretta hanno identificato le sostanze chimiche che potrebbero essere tossiche o cancerogene, tra cui il particolato, la formaldeide e i composti organici volatili, ma a livelli inferiori rispetto al fumo di sigaretta.
Il vapore delle e-sigarette contiene radicali liberi, agenti altamente reattivi che possono danneggiare il DNA e altre molecole all'interno delle cellule, con conseguente morte cellulare.
Il fumo di sigaretta contiene 1014 radicali liberi per boccata. Anche se il vapore di e-sigaretta contiene meno radicali liberi rispetto al fumo di sigaretta ( 1% circa ) la loro presenza nelle e-sigarette è indice di potenziali rischi per la salute che meritano ulteriori approfondimenti. ( Xagena2015 )

Fonte: Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, 2015

Pneumo2015



Indietro