Pneumobase.it
XagenaNewsletter
OncoPneumologia
Tumore polmone

Montelukast per la tosse post-infettiva negli adulti


La tosse post-infettiva è comune ma non ha trattamenti di provata efficacia. I cisteinil-leucotrieni sono coinvolti nella patogenesi della tosse post-infettiva e nella tosse convulsiva ( pertosse ).
È stata studiata l'efficacia di Montelukast ( Zafirlukast ), un antagonista del recettore dei cisteinil leucotrieni, nel trattamento della tosse post-infettiva.

In uno studio randomizzato, controllato con placebo, adulti non-fumatori di età compresa tra 16 e 49 anni, con tosse post-infettiva della durata di 2-8 settimane, sono stati reclutati da 25 Centri di cura in Inghilterra.
I pazienti sono stati testati per la pertosse ( IgG per tossina anti-pertosse nel liquido orale ) e assegnati in maniera randomizzata ( rapporto 1:1 ) a Montelukast 10 mg al giorno oppure a placebo per 2 settimane.

I pazienti hanno scelto se continuare ad assumere il farmaco in studio per altre 2 settimane.
I pazienti, i medici e i ricercatori erano all’oscuro dell'assegnazione del trattamento.

L'efficacia è stata valutata con il Leicester Cough Questionnaire per misurare i cambiamenti nella qualità di vita specifici per la tosse; gli esiti primari erano i cambiamenti nel punteggio totale tra il basale e due fasi di follow -up ( 2 settimane e 4 settimane ).

Nel periodo 2011-2012, sono stati assegnati in modo casuale 276 pazienti a Montelukast ( n=137 ) oppure a placebo ( n=139 ).
70 pazienti ( 25% ) avevano pertosse confermata in laboratorio.

Miglioramenti della qualità di vita specifici per la tosse si sono verificati in entrambi i gruppi dopo 2 settimane ( Montelukast: media 2.7; placebo: 3.6 ), ma la differenza tra i gruppi non ha raggiunto la minima differenza clinicamente importante di 1.3 ( differenza media -0.9, da -1.7 a -0.04, P=0.04 ).
Questa differenza non era statisticamente significativa nelle analisi di sensibilità.

Dopo 2 settimane, 192 pazienti su 259 partecipanti di cui erano disponibili i dati ha scelto di continuare con il farmaco in studio ( 77%, 99 su 129 partecipanti con Montelukast; 72%, 93 su 130 con placebo ).

Dopo 4 settimane, non vi erano differenze significative tra i gruppi in termini di miglioramento della qualità di vita specifica per la tosse ( Montelukast: 5.2, 4.5-5.9; placebo: 5.9, 5.1-6.7; differenza media -0.5, -1.5-0.6, P=0.38 ) o tassi di eventi avversi ( 15%, 21 dei 137 pazienti trattati con Montelukast ha riferito uno o più eventi avversi; 22%, 31 dei 139 pazienti trattati con placebo, P=0.14 ).

Gli eventi avversi più comunemente riportati sono stati aumentata produzione di muco ( Montelukast, n=6; placebo, n=2 ), disturbi gastrointestinali ( Montelukast, n=3; placebo, n=5 ) e cefalea ( Montelukast, n=2; placebo, n=6 ).

È stato segnalato un evento avverso grave ( placebo, n=1 ) che non era correlato al farmaco in studio ( mancanza di respiro e costrizione alla gola dopo gravi attacchi di tosse ).

Montelukast non è un trattamento efficace per la tosse post-infettiva. Tuttavia, il peso della tosse post-infettiva nelle cure primarie è elevato, il che lo rende un ambito ideale per futuri studi sui trattamenti antitosse. ( Xagena2014 )

Wang K et al, Lancet Respiratory Medicine 2014; 2: 1: 35-43

Pneumo2014 Farma2014


Indietro