Pneumobase.it
Tumore polmone
Xagena Mappa
Esmr

Motesanib in combinazione con Paclitaxel e Carboplatino in pazienti dell'Asia orientale con tumore polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso avanzato


Uno studio di fase III, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, ha determinato se Motesanib possa migliorare la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto al placebo in combinazione con Paclitaxel e Carboplatino ( P/C ) in pazienti dell'Asia orientale con cancro polmonare non a piccole cellule non-squamoso in stadio IV / recidivante.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Motesanib orale 125 mg oppure placebo una volta al giorno più Paclitaxel 200 mg/m2 per via endovenosa e Carboplatino area sotto la curva tempo-concentrazione 6 mg/ml x min per via endovenosa per un massimo di 6 cicli di 3 settimane.

L'assegnazione casuale è stata stratificata dallo stato del recettore del fattore di crescita epidermico ( EGFR ), dalla regione e dalla perdita di peso nei 6 mesi precedenti all'assegnazione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), l'endpoint secondario chiave era la sopravvivenza globale e altri endpoint secondari erano il tasso di risposta obiettiva, il tempo alla risposta del tumore, la durata della risposta e gli eventi avversi.

Sono stati assegnati 400 pazienti a ricevere Motesanib più Paclitaxel e Carboplatino ( n=197 ) o placebo più Paclitaxel e Carboplatino ( n=204 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 6.1 versus 5.6 mesi per Motesanib rispetto al placebo ( log-rank P stratificato=0.0825, hazard ratio stratificato, HR=0.81; P=0.0820 ); la sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta versus 21.6 mesi ( P=0.5514 ).

Nelle analisi secondarie, il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 60.1% vs 41.6% ( P minore di 0.001 ); tempo mediano alla risposta del tumore, 1.4 vs 1.6 mesi e durata mediana della risposta, 5.3 vs 4.1 mesi.

L’incidenza di eventi avversi di grado 3 o superiore ( 86.7% vs 67.6% ) ed eventi avversi che hanno portato alla sospensione del farmaco ( 32.7% vs 14.2% ) è stata più alta con Motesanib rispetto al placebo.

Gli eventi avversi segnalati più frequentemente con Motesanib sono stati disturbi gastrointestinali, ipertensione ed eventi correlati alla colecisti.

In conclusione, Motesanib più Paclitaxel e Carboplatino non ha significativamente migliorato la sopravvivenza libera da progressione, rispetto al placebo più Paclitaxel e Carboplatino nei pazienti dell'Asia orientale con tumore al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in stadio IV / recidivante. ( Xagena2017 )

Kubota K et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3662-3670

Pneumo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro