Pneumobase.it
Tumore polmone
Xagena Mappa
Esmr

Nintedanib nelle malattie polmonari interstiziali con fibrosi progressiva


Dati preclinici hanno suggerito che Nintedanib ( Ofev ), un inibitore intracellulare della tirosin-chinasi, inibisce i processi coinvolti nella progressione della fibrosi polmonare.
Sebbene l'efficacia di Nintedanib sia stata dimostrata nella fibrosi polmonare idiopatica, la sua efficacia in una vasta gamma di malattie polmonari fibrose non è nota.

In uno studio di fase 3 in doppio cieco, controllato con placebo, condotto in 15 Paesi, sono stati assegnati in modo casuale pazienti con malattia polmonare con fibrosi che interessava più del 10% del volume polmonare alla tomografia computerizzata ( CT ) ad alta risoluzione a ricevere Nintedanib alla dose di 150 mg due volte al giorno oppure placebo.

Tutti i pazienti hanno soddisfatto i criteri per la progressione della malattia polmonare interstiziale negli ultimi 24 mesi nonostante il trattamento, avevano una capacità vitale forzata ( FVC ) di almeno il 45% del valore previsto e una capacità di diffusione alveolo-capillare del monossido di carbonio ( DLCO ) compresa tra 30% e meno dell'80% del valore previsto.

La randomizzazione è stata stratificata in base al modello fibrotico ( un modello di polmonite interstiziale usuale UIP o altri modelli fibrotici ) alla tomografia computerizzata ad alta risoluzione.

L'endpoint primario era il tasso annuale di declino della capacità vitale forzata, valutato in un periodo di 52 settimane.

Sono stati trattati in totale 663 pazienti.

Nella popolazione generale, il tasso di declino aggiustato nella capacità vitale forzata è stato di -80.8 ml all'anno con Nintedanib e di -187.8 ml all'anno con placebo, per una differenza tra i gruppi di 107.0 ml all'anno ( P minore di 0.001 ).

Nei pazienti con un pattern fibrotico UIP-simile [ UIP: polmonite interstiziale usuale ], il tasso di declino aggiustato della capacità vitale forzata è stato pari a -82.9 ml all'anno con Nintedanib e -211.1 ml all'anno con placebo, per una differenza di 128.2 ml ( P minore di 0.001 ).

La diarrea era l'evento avverso più comune, come riportato rispettivamente nel 66.9% e nel 23.9% dei pazienti trattati con Nintedanib e placebo.

Anomalie nei test di funzionalità epatica sono state più comuni nel gruppo Nintedanib che nel gruppo placebo.

Nei pazienti con patologie polmonari interstiziali con fibrosi progressiva, il tasso annuale di declino della capacità vitale forzata è risultato significativamente più basso tra i pazienti trattati con Nintedanib rispetto a quelli trattati con placebo.
L'evento avverso comune è stata la diarrea. ( Xagena2019 )

Flaherty KR et al, N Engl J Med 2019; 381: 1718-1727

Pneumo2019 Farma2019


Indietro