Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Nintedanib per la malattia polmonare interstiziale associata alla sclerosi sistemica


La malattia polmonare interstiziale ( ILD ) è una manifestazione comune di sclerosi sistemica e una delle principali cause di morte per sclerosi sistemica.
Nintedanib ( Ofev ), un inibitore della tirosin-chinasi, ha dimostrato di avere effetti antifibrotici e antinfiammatori in modelli preclinici di sclerosi sistemica e malattia polmonare interstiziale.

È stato condotto uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per studiare l'efficacia e la sicurezza di Nintedanib in pazienti con malattia polmonare interstiziale associata a sclerosi sistemica.
I pazienti che avevano avuto la sclerosi sistemica con insorgenza del primo sintomo non-di-Raynaud negli ultimi 7 anni e una scansione di tomografia computerizzata ad alta risoluzione che dimostrava che la fibrosi colpiva almeno il 10% dei polmoni, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 150 mg di Nintedanib, somministrato per via orale due volte al giorno oppure placebo.

L'endpoint primario era il tasso annuale di declino della capacità vitale forzata ( FVC ), valutato su un periodo di 52 settimane.
Gli endpoint secondari chiave erano cambiamenti assoluti rispetto al basale del punteggio cutaneo modificato di Rodnan e del punteggio totale alla scala SGRQ ( St. George’s Respiratory Questionnaire ) alla settimana 52.

In totale 576 pazienti hanno ricevuto almeno una dose di Nintedanib oppure placebo; il 51.9% presentava sclerosi sistemica cutanea diffusa e il 48.4% riceveva Micofenolato al basale.

Nell'analisi dell'endpoint primario, il tasso annuale di variazione aggiustato di capacità vitale forzata è stato pari a -52.4 ml all'anno nel gruppo Nintedanib e di -93.3 ml all'anno nel gruppo placebo ( differenza, 41.0 ml all'anno; P=0.04 ).

Le analisi di sensibilità basate sull'imputazione multipla per i dati mancanti hanno prodotto valori P per l'endpoint primario compresi tra 0.06 e 0.10.

La variazione dal basale nel punteggio cutaneo modificato di Rodnan e il punteggio totale alla scala SGRQ alla settimana 52 non differivano significativamente tra i gruppi, con differenze di -0.21 ( P=0.58 ) e 1.69, rispettivamente.

La diarrea, l'evento avverso più comune, è stata segnalata nel 75.7% dei pazienti nel gruppo Nintedanib e nel 31.6% di quelli nel gruppo placebo.

Tra i pazienti con malattia polmonare interstiziale associata a sclerosi sistemica, il tasso annuale di declino della capacità vitale forzata è stato inferiore con Nintedanib rispetto al placebo.
Non è stato osservato alcun beneficio clinico di Nintedanib per altre manifestazioni di sclerosi sistemica.
Il profilo degli eventi avversi di Nintedanib osservato nello studio è stato simile a quello osservato nei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica; gli eventi avversi gastrointestinali, inclusa la diarrea, erano più comuni con Nintedanib che con placebo. ( Xagena2019 )

Distler O et al, N Engl J Med 2019; 380: 2518-2528

Pneumo2019 Reuma2019 Farma2019


Indietro