GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
OncoPneumologia

Nivolumab più Ipilimumab versus solo Nivolumab per i pazienti precedentemente trattati con tumore polmonare a cellule squamose in stadio IV: studio Lung-MAP S1400I


Nivolumab ( Opdivo ) più Ipilimumab ( Yervoy ) è superiore alla chemioterapia a base di Platino nel tumore polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) avanzato naive al trattamento.
Nivolumab è superiore a Docetaxel nel carcinoma al polmone non-a-piccole cellule avanzato pretrattato.

Si è determinato se l'aggiunta di Ipilimumab a Nivolumab migliori la sopravvivenza in pazienti con tumore NSCLC squamoso avanzato, pretrattato e naive all'immunoterapia.

Lo studio clinico randomizzato in aperto di fase 3 Lung-MAP ( Lung Cancer Master Protocol ) S1400I è stato condotto dal 2015 al 2018, randomizzando i pazienti a Nivolumab da solo o in combinazione con Ipilimumab.

Il follow-up mediano nei pazienti sopravvissuti è stato di 29.5 mesi. Lo studio è stato condotto attraverso il NCTN ( National Clinical Trials Network ) e ha incluso pazienti con tumore NSCLC squamoso naive all'immunoterapia avanzata e un punteggio Zubrod da 0 ( asintomatico ) a 1 ( sintomatico ma completamente ambulatoriale ) con progressione della malattia dopo chemioterapia standard a base di Platino.
La randomizzazione è stata stratificata per sesso e numero di precedenti terapie ( 1 vs 2 o più ).

È stato somministrato Nivolumab 3 mg/kg per via endovenosa ogni 2 settimane, con o senza Ipilimumab 1 mg/kg per via endovenosa ogni 6 settimane, fino a progressione della malattia o effetti tossici intollerabili.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale ( OS ). Gli endpoint secondari includevano la sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore ( IA-PFS ) e la risposta secondo le linee guida RECIST ( Response Evaluation Criteria in Solid Tumors ) versione 1.1.

Dei 275 pazienti arruolati, 252 ( età media, 67.5 anni; 169 uomini, 67%; 206 pazienti bianchi, 82% ) sono stati considerati idonei ( 125 randomizzati a Nivolumab / Ipilimumab e 127 a Nivolumab ).

Lo studio è stato chiuso per inutilità a un'analisi ad interim pianificata.
La sopravvivenza globale non è risultata significativamente diversa tra i gruppi ( hazard ratio, HR, 0.87; P=0.34 ).
La sopravvivenza mediana è stata di 10 mesi nel gruppo Nivolumab / Ipilimumab e 11 mesi nel gruppo Nivolumab.

L'hazard ratio della sopravvivenza libera da progressione valutata dallo sperimentatore è stato pari a 0.80 ( P=0.09 ); la sopravvivenza mediana libera da progressione valutata dallo sperimentatore è stata di 3.8 mesi nel gruppo Nivolumab / Ipilimumab e di 2.9 mesi nel gruppo Nivolumab da solo.
I tassi di risposta sono stati del 18% con Nivolumab / Ipilimumab e del 17% con Nivolumab.

La durata mediana della risposta è stata di 28.4 mesi con Nivolumab / Ipilimumab e di 9.7 mesi con Nivolumab.
Eventi avversi correlati al trattamento di grado 3 o superiore si sono verificati in 49 su 124 pazienti ( 39.5% ) che hanno ricevuto Nivolumab / Ipilimumab e in 41 su 123 ( 33.3% ) che hanno ricevuto solo Nivolumab.

Gli effetti tossici hanno portato all'interruzione in 31 su 124 pazienti ( 25% ) di Nivolumab / Ipilimumab e in 19 su 123 ( 15% ) di Nivolumab.

In questo studio clinico randomizzato di fase 3, Ipilimumab aggiunto a Nivolumab non ha migliorato gli esiti nei pazienti con carcinoma polmonare non-a-piccole cellule di istologia squamosa, in fase avanzato, pretrattato, naive agli inibitori del checkpoint immunitario. ( Xagena2021 )

Gettinger SN et al, JAMA Oncol 2021; 7: 1368-1377

Pneumo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro