Pneumobase.it
Tumore polmone
Esmr
Xagena Mappa

Pamrevlumab, una terapia anti-fattore di crescita del tessuto connettivo, per la fibrosi polmonare idiopatica: studio PRAISE


Il fattore di crescita del tessuto connettivo ( CTGF ) è una glicoproteina secreta che ha un ruolo centrale nel processo di fibrosi.
Lo studio PRAISE è stato progettato per valutare la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia di Pamrevlumab, un anticorpo monoclonale ricombinante completamente umano diretto contro CTGF, nella fibrosi polmonare idiopatica.
Lo scopo dello studio era stabilire se Pamrevlumab fosse in grado di rallentare, arrestare o invertire la progressione della fibrosi polmonare idiopatica.

Lo studio di fase 2, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo PRAISE è stato condotto presso 39 centri medici in sette Paesi ( Australia, Bulgaria, Canada, India, Nuova Zelanda, Sudafrica e Stati Uniti ).
I pazienti con fibrosi polmonare idiopatica e capacità vitale forzata ( FVC ) predetta del 55% o superiore sono stati arruolati e assegnati in modo casuale all'infusione endovenosa di Pamrevlumab 30 mg/kg oppure placebo ogni 3 settimane per 48 settimane ( 16 infusioni ).

L'esito primario di efficacia era il cambiamento dal basale nella percentuale di capacità vitale forzata prevista alla settimana 48.
La progressione della malattia ( definita come un declino rispetto al basale nella percentuale di capacità vitale forzata prevista del 10% o superiore o morte ) alla settimana 48 era un esito secondario chiave di efficacia.

Tutti i pazienti nel gruppo Pamrevlumab hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e sono stati analizzati per la sicurezza.
Due pazienti nel gruppo placebo sono stati esclusi dalla popolazione intention-to-treat per le analisi di efficacia a causa di un errore di arruolamento.

Tra il 2013 e il 2017, 103 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 50 a Pamrevlumab e 53 a placebo ).

Pamrevlumab ha ridotto il declino della percentuale di capacità vitale forzata prevista del 60.3% alla settimana 48 ( variazione media dal basale −2.9% con Pamrevlumab vs −7.2% con placebo; differenza tra i gruppi 4.3%; P=0.033 ).

La percentuale di pazienti con progressione della malattia è stata inferiore nel gruppo Pamrevlumab rispetto al gruppo placebo alla settimana 48 ( 10.0% vs 31.4%; P=0.013 ).

Pamrevlumab è risultato ben tollerato, con un profilo di sicurezza simile a quello del placebo.

Sono stati osservati eventi avversi gravi emergenti dal trattamento in 12 pazienti ( 24% ) nel gruppo Pamrevlumab e in 8 ( 15% ) nel gruppo placebo, con 3 pazienti trattati con Pamrevlumab e 7 con placebo che hanno interrotto il trattamento.

I 3 decessi ( 6% ) nel gruppo Pamrevlumab e i 6 ( 11% ) nel gruppo placebo non sono stati considerati correlati al trattamento.

Pamrevlumab ha attenuato la progressione della fibrosi polmonare idiopatica ed è stato ben tollerato.
Nello sviluppo della fase 3, Pamrevlumab si rivela promettente come nuovo trattamento sicuro ed efficace per la fibrosi polmonare idiopatica. ( Xagena2020 )

Richeldi L et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 25-33

Pneumo2020 Farma2020


Indietro