Antibiotici & BPCO
GSK Infettivologia
Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Forum Infettivologico

Rischio di morte correlata a COVID-19 tra pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva o asma con prescrizione di corticosteroidi inalatori


Le prime descrizioni dei pazienti ricoverati in ospedale durante la pandemia da COVID-19 hanno mostrato una minore prevalenza di asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) rispetto a quanto ci si sarebbe aspettati per una malattia respiratoria acuta come COVID-19, portando all’ipotesi che i corticosteroidi inalatori ( ICS ) possano proteggere dalla sindrome respiratoria acuta grave da infezione da coronavirus 2 o dallo sviluppo di sequele gravi.

È stata valutata l'associazione tra corticosteroidi inalatori e morte correlata a COVID-19 tra le persone con BPCO o asma utilizzando cartelle cliniche elettroniche in Inghilterra, Regno Unito.

In uno studio osservazionale, sono stati analizzati i dati a livello di paziente per le persone con BPCO o asma dalle cartelle cliniche collegate ai dati di morte dell'Ufficio di Statistica Nazionale utilizzando la piattaforma OpenSAFELY.

La data indice ( inizio del follow-up ) per entrambe le coorti era il 1º marzo 2020; il follow-up è durato fino al 6 maggio 2020.
Per la coorte BPCO, gli individui erano eleggibili se avevano un'età pari o superiore a 35 anni, soffrivano di BPCO, erano fumatori o ex-fumatori e avevano una prescrizione per un corticosteroide inalatorio o beta-agonista a lunga durata d'azione più un antagonista muscarinico a lunga durata d'azione ( LABA-LAMA ) come terapia di associazione ricevuta entro i 4 mesi precedenti la data di riferimento.

Per la coorte di asma, gli individui erano eleggibili se avevano 18 anni o più, se era stata diagnosticata l'asma entro 3 anni dalla data indice e se avevano una prescrizione per un corticosteroide inalatorio o un beta-agonista a breve durata d'azione ( SABA ) solo nei 4 mesi precedenti la data di riferimento.

È stato confrontato l'esito della morte correlata a COVID-19 tra le persone a cui era stato prescritto un corticosteroide inalatorio e quelle a cui erano stati prescritti farmaci respiratori alternativi: corticosteroidi inalatori versus LABA-LAMA per la coorte BPCO e corticosteroidi inalatori a basso dosaggio o medio dosaggio e ad alto dosaggio versus SABA da solo nella coorte di asma.

Sono stati stimati gli hazard ratio ( HR ) per l'associazione tra le categorie di esposizione e l’esito in ciascuna popolazione, aggiustando per età, sesso e tutte le altre covariate prespecificate.

Sono state identificate 148.557 persone con BPCO e 818.490 persone con asma a cui erano stati somministrati farmaci respiratori rilevanti nei 4 mesi precedenti la data di riferimento.

Le persone con BPCO a cui erano stati prescritti corticosteroidi inalatori erano a maggior rischio di morte correlata a COVID-19 rispetto a quelle a cui erano state prescritte combinazioni LABA-LAMA ( HR aggiustato 1.39 ).

Rispetto ai pazienti a cui erano stati prescritti solo SABA, i pazienti con asma a cui era stato prescritto un corticosteroide inalatorio ad alte dosi erano a maggiore rischio di morte ( 1.55 ), mentre quelli a cui era stata somministrata una dose bassa o media non lo erano ( 1.14 ).

Le analisi di sensibilità hanno mostrato che l'apparente associazione dannosa osservata potrebbe essere spiegata da differenze di salute relativamente piccole tra le persone a cui era stato prescritto un corticosteroide inalatorio e quelle a cui non era stato prescritto un corticosteroide inalatorio che non erano state registrate nel database.

I risultati non supportano l'uso regolare di corticosteroide inalatorio nella protezione contro la morte correlata a COVID-19 tra le persone con asma o BPCO.
L'aumento dei rischi osservati di morte correlata a COVID-19 può essere plausibilmente spiegato da un confondimento non-misurato dovuto alla gravità della malattia. ( Xagena2020 )

Schultze A et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 1106-1120

Inf2020 Pneumo2020 Farma2020



Indietro