GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Pneumobase.it
Tumore polmone

Treprostinil per via inalatoria e capacità vitale forzata nei pazienti con malattia polmonare interstiziale e ipertensione polmonare associata: analisi post-hoc dello studio INCREASE


INCREASE era uno studio di fase 3 randomizzato, controllato con placebo che ha valutato Treprostinil per via inalatoria ( Tyvaso ) nei pazienti con malattia polmonare interstiziale ( ILD ) e ipertensione polmonare associata.
Treprostinil ha migliorato la capacità di esercizio dal basale alla settimana 16, valutata con l'uso di un test di camminata di 6 minuti, rispetto al placebo.

Sono stati riportati anche miglioramenti nella capacità vitale forzata ( FVC ).

Lo scopo di questa analisi post-hoc era di caratterizzare ulteriormente gli effetti di Treprostinil per via inalatoria sulla capacità vitale forzata nella popolazione complessiva dello studio e in vari sottogruppi di interesse.

In questa analisi post-hoc, sono stati valutati i cambiamenti della capacità vitale forzata nella popolazione complessiva dello studio e in vari sottogruppi definiti dalla causa della malattia o dai parametri clinici di base.
La popolazione dello studio ha incluso pazienti di età pari o superiore a 18 anni con diagnosi di malattia polmonare interstiziale basata sull'evidenza di malattia parenchimale polmonare diffusa alla tomografia computerizzata ( TC ) del torace eseguita entro 6 mesi prima dell'assegnazione casuale ( non-giudicata a livello centrale ).

Tutte le analisi sono state effettuate sulla popolazione intention-to-treat ( ITT ), definita come individui che sono stati assegnati in modo casuale e hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.

Tra il 2017 e il 2019, 326 pazienti sono stati arruolati nello studio INCREASE.

Il Treprostinil inalato è stato associato a un miglioramento medio dei minimi quadrati corretto per il placebo della capacità vitale forzata di 28.5 ml ( P=0.35 ) alla settimana 8 e 44.4 ml ( P=0.21 ) alla settimana 16, con percentuale associata di miglioramenti previsti di capacità vitale forzata dell'1.8% ( P=0.014 ) e dell'1.8% ( P=0.028 ).

L'analisi dei sottogruppi di pazienti con polmonite interstiziale idiopatica ha mostrato differenze di capacità vitale forzata di 46.5 ml ( P=0.25 ) alla settimana 8 e 108.2 ml ( P=0.023 ) alla settimana 16.
L'analisi dei pazienti con fibrosi polmonare idiopatica ha mostrato differenze di capacità vitale forzata di 84.5 ml ( P=0.11 ) alla settimana 8 e 168.5 ml ( P=0.011 ) alla settimana 16.

Gli eventi avversi più frequenti hanno incluso: tosse, cefalea, dispnea, vertigini, nausea, affaticamento e diarrea.

Nei pazienti con malattia polmonare interstiziale e ipertensione polmonare associata, Treprostinil per via inalatoria è stato associato a miglioramenti della capacità vitale forzata rispetto al placebo a 16 settimane.
Questa differenza è stata più evidente nei pazienti con polmonite interstiziale idiopatica, in particolare fibrosi polmonare idiopatica.

Treprostinil per via inalatoria sembra essere una terapia promettente per la fibrosi polmonare idiopatica che merita ulteriori indagini in uno studio prospettico, randomizzato, controllato con placebo. ( Xagena2021 )

Nathan SD et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 1266-1274

Pneumo2021 Farma2021


Indietro